Quali sono i parassiti che possono contrarre i gatti

di

I parassiti sono l'incubo di tutti i proprietari di gatti. E a ragione: molti parassiti sono responsabili di gravi malattie e sono difficili da trattare. Gli endoparassiti vivono all'interno dell'animale, mentre gli ectoparassiti vivono sull'animale.

Quali sono gli ectoparassiti del gatto?

Gli ectoparassiti sono parassiti esterni, che vivono e si muovono sul corpo dell’animale. A seconda delle dimensioni, possono essere visibili anche a occhio nudo. Questi sono i parassiti più frequenti alle nostre latitudini:

Pulci

  • Sono abbastanza grandi da essere visibili a occhio nudo.
  • Un semplice campione di feci può fornire chiarimenti.
  • Se l’animale ha le pulci, occorre disinfestare anche l’ambiente (cucce, coperte, lettini, pavimenti ecc.). Fatti consigliare ad es. in farmacia in merito alle possibilità che ci sono.
  • Chiedi al veterinario se è necessaria la sverminazione, perché quando un animale ha le pulci, spesso ha anche i cestodi.   

Zecche

  • Sono abbastanza grandi da essere visibili a occhio nudo.
  • Devono essere eliminate seguendo le regole

Possibili infezioni secondarie:

  • FSME, borreliosi, eritema migrante.
  • Disinfetta subito il punto del morso con propoli (antibatterico, antivirale).
  • Testa prodotti chimici e biologici (olio contro le zecche di ANiFiT) e fatti consigliare dal veterinario.

Mallofagi

  • Sono parassiti stazionari lunghi ca. 2-3 mm.
  • Colpiscono solo gli animali che presentano uno stato generale di salute alterato, non quelli sani.
  • Di per sé non fanno niente agli animali, ma mangiano le cellule morte superficiali e vogliono stare sull’animale perché è caldo e possono cibarsi di sego, batteri ecc.
  • Tuttavia sono vettori di diversi agenti patogeni batterici e virali.

Pidocchi

  • I pidocchi non vivono esclusivamente sui nostri animali.
  • Depongono le uova nel pelo che deve essere pettinato per rimuoverle.
  • Esistono shampoo specifici.
  • Se l’animale ha i pidocchi, occorre disinfestare anche l’ambiente (cucce, coperte, lettini, pavimenti,…). Fatti consigliare in merito alle possibilità che ci sono.

Acari

  • Sono molto piccoli e alcuni si nascondono anche sotto la pelle.
  • Per questo non sono visibili a occhio nudo e spetta al veterinario scoprire con urgenza di quale specie di acaro si tratta.

Patologie provocate:

  • rogna/scabbia – ATTENZIONE: zoonosi trasmissibile all’uomo
  • demodicosi
  • infestazione da acari pungitori
  • cheyletiellosi

Rivolgersi tassativamente allo studio veterinario e ATTENZIONE al rischio di contagio.

Zanzare

Le zanzare possono trasmettere le seguenti malattie:

  • leishmaniosi
  • dirofilaria immitis
  • diversi virus

Per saperne di più in materia di parassiti, consulta le pagine seguenti:

Come si possono combatere i parassiti?

Esiste una grande varietà di sostanze chimiche, prodotti da applicare sulla parte, collari, rimedi che agiscono contro i parassiti all’interno del corpo ed efficaci rimedi naturali. Spetta a te decidere quali usare. Informati su internet e richiedi la consulenza dell’allevatore o dello studio veterinario.

Se il tuo animale è infestato dai parassiti, portalo subito dal veterinario.

Quali sono gli endoparassiti del gatto?

Gli endoparassiti sono esseri viventi che albergano nel corpo dei nostri quadrupedi. In genere colpiscono l’apparato gastrointestinale e indeboliscono gli animali, sottraendo loro nutrienti vitali. Tuttavia possono infestare anche organi, mettendo così in pericolo la vita stessa dell’animale.

Questi sono gli endoparassiti più diffusi alle nostre latitudini:

Cestodi/ascaridi/anchilostomi

Da cosa si capisce che il gatto ha un’infestazione da vermi?

  • pelo opaco
  • perdita di appetito e di peso
  • problemi digestivi
  • letargia e spossatezza •
  • prurito nella zona anale
  • gonfiore addominale

Strongili polmonari

  • Colpiscono per lo più i gatti in semilibertà che mangiano prede infette come topi, uccelli o lucertole.

Sintomi:

  • l’animale è debole
  • ha difficoltà respiratorie
  • presenta tosse persistente
  • soffre di diarrea e vomito
  • le larve sono rilevabili nelle feci

Dirofilaria immitis

  • Il parassita viene trasmesso da diversi tipi di zanzara.
  • Se l’infezione non viene individuata, il cuore, i polmoni e altri organi possono subire gravi danni.
  • Rappresenta un rischio anche per la salute dell’uomo.

Sintomi:

  • l’animale è debole
  • ha difficoltà respiratorie
  • presenta tosse persistente
  • soffre di diarrea e vomito
  • colpisce più i cani che i gatti

 

ATTENZIONE: non è rilevabile nelle feci.

Giardie

  • Sono organismi unicellulari che si attaccano molto tenacemente alla parete dell’intestino tenue.
  • Causano diarrea molto grave.
  • Sono facilmente rilevabili tramite un test rapido.

Coccidi

  • Sono parassiti unicellulari che si annidano nell’intestino dell’ospite.
  • Causano diarrea molto grave.
  • Si rilevano in campioni di feci

Toxoplasma gondii

  • Sono parassiti unicellulari che vengono trasmessi al gatto tramite ospiti intermedi come topi o uccelli.

Sintomi:

  • disturbi del sistema immunitario
  • disturbi dell’andatura
  • convulsioni • problemi gastrointestinali
  • smagrimento
  • infiammazioni della membrana centrale e interna dell’occhio
  • Zoonosi = il gatto può contagiare l’uomo.  

Al giorno d’oggi non è più necessaria una sverminazione generale. Esaminando un campione dei feci, il veterinario ne rileva l’eventuale necessità.

 

ATTENZIONE: non tutti i parassiti sono rilevabili nelle feci.

Esistono anche prodotti naturali (come Naturkraft Pro-1) che possono aiutare a modificare l’ambiente intestinale rendendolo inospitale per i parassiti, che quindi si annidano di meno. Per maggiori dettagli consulta il nostro Shop, il tuo studio veterinario di fiducia o il sito dell’ESCCAP.

Download guida Accogliere un gattino


Per qualsiasi altra domanda, contatta il tuo consulente o il servizio clienti ANiFiT.

di
 Vai alla panoramica

TI SUGGERIAMO

Resta sempre aggiornato
Abbonati alla Newsletter
Si è verificato un errore durante il tentativo di inviare il modulo di iscrizione. Riprova o contatta l'amministratore.